Tra cielo e terra

XVI edizione Tertio Millennio Film Fest
Roma, 4 – 9 dicembre 2012
Cinema Trevi, Sala della Cineteca Nazionale – Centro Sperimentale di  Cinematografia,  Vicolo del Puttarello, 25

È indubbiamente la Natura – lo dice il titolo stesso: “Tra cielo e terra” – il filo conduttore della XVI edizione del Tertio Millennio Film Fest. Il ritorno alla Natura, la nostalgia per la Natura, il terrore della Natura: “Quest’anno abbiamo pensato da subito a un tema particolare. Le opere selezionate infatti hanno come unico comune denominatore il rapporto tra uomo, natura e fede. Inoltre nel privilegiare le anteprime, i restauri, i titoli non distribuiti e quelli invisibili – sono quei film che non hanno goduto della dovuta circolazione in sala, abbiamo voluto anzitutto recuperare quel cinema sommerso che a nostro giudizio meritava l’attenzione del pubblico”, dice Dario E. Viganò, Presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo. E ancora: “La terra è arida, selvaggia, battuta dalle tempeste. La campagna è brulla, l’acqua infida, il bosco un labirinto. A giudicare dalle storie e dalle immagini che abbiamo scelto quest’anno vien da chiedersi se c’è ancora un habitat umano disponibile là fuori. Se c’è mai stato. O se elementi, fenomeni, animali non congiurino piuttosto per ricacciare l’uomo altrove, in un esilio oltre i confini del mondo. Sembrerebbe a prima vista un tema inattuale, non alla moda. (Dario Edoardo Viganò – Presidente Fondazione Ente dello Spettacolo).

Il Tertio Millennio Film Fest è il primo festival realizzato con il Patrocinio del Vaticano giunto alla sua XVI edizione e organizzato dalla Fondazione Ente dello Spettacolo presieduta da Mons. Dario Edoardo Viganò e dalla “Rivista del Cinematografo”, sempre da lui diretta. È curato in collaborazione con i Pontifici Consigli della Cultura e delle Comunicazioni Sociali, con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, con il contributo della Direzione Generale per il Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha conferito alla XVI edizione e alle precedenti del “Tertio Millennio Film Fest” una propria targa di rappresentanza.

 

 Evento collaterale XVI Tertio Millennio Film Fest
IX Convegno Internazionale – L’arte nell’anima
27 Novembre – 1 Dicembre, a Grottaferrata e a Frascati,

Anche quest’anno, il Tertio Millennio Film Fest è stato preceduto da un evento collaterale. In occasione dell’Anno della Fede, indetto da Papa Benedetto XVI con la Lettera apostolica Porta fidei, si è svolto dal 27 Novembre al 1° Dicembre, a Grottaferrata e a Frascati, la IX edizione del Convegno Internazionale L’arte nell’anima, dal titolo Il sogno di una vita buona. Segni. Sfide. Orizzonti”. Il convegno, organizzato dall’Associazione “Art Promotion” in partenariato con il Tertio Millennio Film Fest e autorizzato dal MIUR quale Corso di Formazione Permanente, ha coinvolto docenti di ogni ordine e grado, sollecitando il dialogo su temi urgenti, come la crisi del welfare, alla cui matrice sono la deriva morale dei cittadini e del potere costituito, e rivolgendosi a quanti, soprattutto nelle nuove generazioni, sentono profondamente l’urgenza della spiritualità. Il percorso di analisi ha toccato trasversalmente cinema, teatro, arte, letteratura, ma anche scienze matematiche, filosofia e teologia, per giungere alla definizione di una welfare society che salvaguardi la propria dignità e quella degli individui che la costituiscono, oggi smarriti nella frammentazione delle norme sociali e culturali, nel sempre maggiore pluralismo delle ideologie, delle identità, dei legami affettivi. “Il senso della nostra partnership – ha dichiarato Dario E. Viganò – è desumibile dal titolo stesso del Convegno. ‘L’Arte nell’Anima’ è quello che cerchiamo di promuovere ogni giorno, attraverso la nostra attività cinematografica, giornalistica e culturale. Non posso che ritenermi soddisfatto, dunque, di questa rinnovata sinergia, nel segno di un’arte vicina al mondo spirituale”.

 

Il Concerto
Quando la musica incontra la Fede

Si è svolto sabato 13 ottobre alle ore 20.00 il concerto Note di fede, organizzato dalla Fondazione Ente dello Spettacolo, presso la Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone di Roma. La serata, condotta da Domenico Musso, ha visto il susseguirsi di brani musicali tratti da colonne sonore di famosi film, eseguiti dal Corpo Musicale “San Luigi” di Vedano al Lambro, che quest’anno celebra i novant’anni dalla sua fondazione. Le musiche sono state intervallate da letture tratte dai Testi Sacri. L’evento è stato aperto dal contributo di Padre Franco Incampo, Rettore della Chiesa ospite, che ha salutato i fedeli, ricordando che il concerto si è svolto a pochi giorni dall’apertura dell’Anno della Fede, indetto dal Santo Padre Bendetto XVI. A seguire, la giornalista Dina d’Isa, esperta di cinema per la pagina Spettacoli de “Il Tempo”, ha introdotto la serata, durante la quale è intervenuto anche Renato Meregalli, sindaco di Vedano al Lambro. L’evento è terminato con il discorso di Mons. Dario E. Viganò, Presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo, che con il suo contributo ha anche messo in luce lo stretto legame che intercorre tra cinema, musica e fede.

 

Film in programma

The Grey

La bicicletta verde

Low Tide

Fly with the Crane

Questo non è un film

Porto di Terra. La Fraternità di Romena

Il Buon Samaritano si è fermato a Nocera Inferiore

The Turin Horse

Riding for Jesus

Water

Corpo celeste

Dio ha bisogno degli uomini

Il primo uomo

Leones

Take Shelter

Thy Womb

 

Incontri con gli Ospiti

  • Evento speciale – Piccoli film, grandi speranze, tre docufilm per raccontare storie di sacerdoti e volontari che sacrificano con amore e passione la loro vita per aiutare gli altri, con Matteo Calabresi Responsabile del Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica della CEI
  • Li Ruijun per il film Fly with the Crane
  • Sabrina Varani per il film Riding for Jesus
  • Yael Perlov per il film Water
  • Focus Cinema e religioni – rilettura del film Corpo Celeste, con la regista Alice Rohrwacher e la giornalista e critico cinematografico de Il Tempo Dina d’Isa
  • Jazmín López per il film Leones