È tempo di migrare

Memoria, identità, relazioni

XXI Edizione Tertio Millennio Film Fest
Festival del dialogo Interreligioso
Roma, 12 – 16 dicembre 2017
Cinema Trevi, Sala della Cineteca Nazionale – Centro Sperimentale di Cinematografia, vicolo del Puttarello, 25
Filmoteca Vaticana – Palazzo San Carlo – Città del Vaticano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cinema, di finzione e documentario, di lunga e breve durata è un’occasione di incontro, conoscenza, crescita e condivisione. Può essere specchio della vita quotidiana e strumento per leggere temi, speranze e preoccupazioni che animano la società.
Oggi siamo chiamati a prendere atto – prima di illuderci di poter decidere se ci piaccia o meno – del fatto che viviamo in una società dove le provenienze – culturali, etniche, sociali – sono in continua differenziazione. Un tempo di straordinarie opportunità, spesso però oscurate dalle inquietudini di chi vorrebbe chiudere frontiere, mari, porti, città, quasi per arrestare ciò che non è possibile fermare, ovvero la storia e i processi culturali. Processi che accadono da sempre e che ora, con la straordinaria combinazione di fattori economici, comunicativi, culturali e sociali mai avvenuta prima, appaiono in tutta la loro imponenza. Movimenti che – se siamo capaci di fare memoria – riconosciamo nella natura stessa dell’uomo, da sempre migrante, da sempre alla ricerca di nuove opportunità, con il desiderio di conservare la propria identità, spesso allo scontro con l’identità di coloro alle cui porte bussa per l’accoglienza. La Segreteria per le comunicazioni della Santa Sede, il Pontificio Consiglio per la Cultura, la Fondazione Ente dello Spettacolo lavorando insieme a qualificati rappresentanti delle comunità di confessioni cristiane, ebree e musulmane vogliono ascoltare e rilanciare la voce e lo sguardo dei registi, videomaker e dei creativi su temi urgenti e cruciali per la vita di tutti: migrazione, memoria, identità, accoglienza. Consapevoli che il dialogo – unica via per superare la diffidenza e l’ostilità – può nascere solo laddove c’è reciproca narrazione e conoscenza della propria memoria. Vogliamo scoprire, ascoltare, narrare le differenze. La differenza non fa paura quando diventa occasione – a partire dal suo movimento più autentico, per raccontare la propria identità e mettersi in ascolto di quella altrui. E realizzare la prima forma di accoglienza che è dare all’altro dignità relazionale, farlo esistere come interlocutore. E il cinema in questo è uno strumento, un’arte, formidabile.

Per la XXI edizione di Tertio Millennio abbiamo selezionato opere cinematografiche inedite – non ancora in distribuzione nelle sale – di provenienza nazionale ed internazionale che esplorino queste polarità fondamentali, appunto: migrazione, memoria, identità, accoglienza. In parallelo, abbiamo organizzato un concorso di opere video (filmiche, documentaristiche, cortometraggi) tra i giovani italiani, che si cimentino su questo tema. (Mons. Davide Milani – Presidente Fondazione Ente dello Spettacolo)

Il XXI Tertio Millennio Film Fest è organizzato con il sostegno di Rai Cinema e in collaborazione con Associazione Internazionale Protestante Cinema INTERFILM, Centro Ebraico Italiano Il Pitigliani, Comunità Religiosa Islamica Italiana COREIS, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Centro Nazionale del Cortometraggio, Dipartimento di Studi Greco Latini Scenico Musicali dell’Università Sapienza di Roma.
Il Festival si fregia della medaglia di rappresentanza della Presidenza della Repubblica.

Il Concerto

In occasione della proiezione in anteprima del documentario Choeurs en exil di Nathalie Rossetti e Turi Finocchiaro, si è tenuto il concerto “Canti dall’Armenia”, una selezione di canti della tradizione popolare armena eseguiti dai musicisti Aram Kerovpyan e Virginia Pattie Kerovpyan.

Film in programma

I fidanzati

La lunga strada del ritorno

La villa

Juggernaut

La part sauvage

One thousand ropes

Choeurs en exil

The testament

Hannah

Krieg

Walking with the wind

Cristina – il racconto di una malattia

Figli di Abramo

 

Incontri con gli Ospiti

Robert Guédiguian per il film La villa

Nathalie Rossetti e Turi Finocchiaro per il film Choeurs en exil

Andrea Pallaoro per il film Hannah

Silvia Chiodin per il film Cristina – Il racconto di una malattia

Simone Pizzi per il film Figli di Abramo

 

Il Premio Tertio Millennio 2017 – Un film per il dialogo interreligioso

Si è svolta sabato 16 dicembre alle ore 17.30 alla Filmoteca Vaticana la cerimonia di consegna del Premio Tertio Millennio – Un film per il dialogo interreligioso al regista indiano Praveen Morchhale per il film Walking with the wind. A condurre l’evento, Francesca Fialdini. La consegna del premio è stata preceduta dal monologo teatrale “Fare un’anima” scritto e interpretato da Giacomo Poretti.