Edizione 2021

Concorso Cortometraggi

MARTEDÌ 23 FEBBRAIO

INVERNO
(Italia, 2020; 16′ 28” – Drammatico, col.)
Regia: Giulio Mastromauro; Sceneggiatura: Andrea Brusa, Giulio Mastromauro; Interpreti: Christian Petaroscia,  Giulio Beranek, Babak Karimi, Elisabetta De Vito; Fotografia: Sandro Chessa; Montaggio: Gianluca Scarpa; Musiche: Bruno Falanga; Scenografia: Marta Morandini; Costumi: Maya Gili; Produzione: Virginia Gherardini, Giulio Mastromauro, Luca Marino, Federico Lami, Massimiliano Zanin, Corso Codecasa, Matteo Pianezzi per Zen Movie, Indaco Film, Wave Cinema, Diero Film; con il supporto di: Rai Cinema e Calabria Film Commission; Distribuzione: Zen Movie.

Timo, il più piccolo di una comunità greca di giostrai, si trova ad affrontare insieme ai suoi cari l’inverno più duro.

GIULIO MASTROMAURO
Regista, sceneggiatore e produttore, Giulio Mastromauro si laurea giovanissimo in Giurisprudenza nonostante la sua forte passione per il cinema. Subito dopo la Laurea, viene ammesso al corso propedeutico del Centro Sperimentale di Cinematografia. Negli anni successivi scrive e dirige diversi cortometraggi apprezzati da pubblico e critica: Carlo e Clara (2013), vincitore di un premio speciale ai David di Donatello e selezionato in oltre 100 festival nel mondo; Nuvola (2015) con Mimmo Cuticchio, candidato ai Nastri d’Argento e vincitore di oltre 50 riconoscimenti; Valzer (2016), in concorso – tra gli altri – al Flickers’ Rhode Island Int. Film Festival. Nel 2016 fonda con Virginia Gherardini la casa di distribuzione di cortometraggi Zen Movie, vincitrice con i suoi lavori di due David di Donatello, due Nastri d’Argento, un Globo d’Oro e una Palma d’Oro a Cannes. Il suo ultimo cortometraggio, Inverno (2020), è vincitore del Premio David di Donatello 2020 per il Miglior Cortometraggio.

GUARDA IL FILM


MERCOLEDÌ 24 FEBBRAIO

EL SILENCIO DEL RIO
(Perù, 2020; 14’ – Drammatico, col.) V.O. con sottotitoli in italiano
Regia e sceneggiatura: Francesca Canepa; Interpreti: Wilson Isminio Cruz, Roover Mesia, Luis Mesia; Fotografia: Christian Valera; Montaggio: Gino Moreno; Musiche: Karin Zielinski; Scenografia: Selene Ludeña; Costumi: Julio Guerrero; VFX: Mario Machado; Produzione: Jimena Hospina per Candú Films, in coproduzione con Rebeca Producciones; Distribuzione: Lights on Film.

Juan è un bambino peruviano di nove anni, che vive con il taciturno padre in una casa galleggiante sul fiume Rio delle Amazzoni. Un viaggio allegorico sullo sfondo idilliaco della foresta pluviale, in cui attraverso la natura e tutto ciò che circonda i protagonisti, si inizia a rivelare l’identità del padre.

FRANCESCA CANEPA
Regista, sceneggiatrice e produttrice di origine peruviana, Francesca Canepa ha studiato cinema all’Università di Montpellier e ha conseguito un master in sceneggiatura presso la ESCAC, la scuola di cinema della Catalogna. Il suo intento è raccontare storie con un preciso messaggio sociale. El Silencio del Río, il suo secondo cortometraggio, ha come ambientazione il Rio delle Amazzoni ed è stato presentato alla 70ma Berlinale; ha inoltre ottenuto il Gran Jury Prize al Calgary Film Festival, ed è in lizza per gli Academy Awards 2021. La sua prima opera, AYA, ambientata sulle Ande Peruviane, ha vinto come miglior cortometraggio Ibero-americano al Festival Internazionale del Cinema di Guadalajara nel 2017 e ha riscosso l’interesse della critica internazionale. Attualmente, sta terminando i suoi studi di sceneggiatura presso la prestigiosa scuola EICTV di Cuba, e sta portando avanti il progetto per il suo primo lungometraggio, Belén. Accanto agli impegni cinematografici, dirige spot pubblicitari e video musicali a Madrid.

GUARDA IL FILM


GIOVEDÌ 25 FEBBRAIO

BROKEN ROOTS
(Giordania, 2020; 4’ – Animazione, col.) V.O. con sottotitoli in italiano
Regia e Sceneggiatura: Asim Tareq, Sarah Elzayat; Fotografia e Animazione: Asim Tareq; Musiche: Omar Habbak; Produzione: Animation & Multimedia University of Petra; Distribuzione: Associak.

Adam, un bambino di 10 anni che impersonifica il suo disagio con un albero nero nel mezzo del deserto, cerca di riempire il vuoto dentro di sé disegnando. L’unico colore che conosce è il nero, nonostante la sua stanza sia piena di colorate scatole di regali che potrebbero ispirarlo. Perché non sono quelli i doni che sta chiedendo.

ASIM TAREQ, SARAH ELZAYAT
Asim Tareq (regista, motion designer, compositore, animatore 3D, modellatore) e Sarah Elzayat (character designer, concept artist e animatrice 2D) sono entrambi laureati in animazione e multimedia presso l’Università di Petra in Giordania. Hanno lavorato insieme alla regia e alla creazione di numerosi progetti, tra cui il cortometraggio animato Broken Roots e la sigla animata d’apertura del Festival Cinematografico di Karama.

GUARDA IL FILM


VENERDÌ 26 FEBBRAIO

THE HANDYMAN
(Australia, 2020; 15′ – Drammatico, col.) V.O. con sottotitoli in italiano
Regia e Sceneggiatura: Nicholas Clifford; Interpreti: Alison Whyte, Nathaniel Dean, Jackie Brennan; Fotografia: Charlie Sarroff; Montaggio: Dan Lee; Musiche: Ben Talbot Dunn; Scenografia: Rennie Watson; Costumi: Stephanie Hooke; Produzione: Elise Trenorden per Truce Films; Distribuzione: Lights On Film.

Evelyn, una donna che vive da sola nella sua tenuta di campagna, tenta di porre fine alla propria vita, ma viene interrotta dall’arrivo di uno strano, affascinante tuttofare. Evelyn vorrebbe mandarlo via, ma il suo desiderio si scontra con la necessità dell’uomo di trovare un impego. Ben presto la donna scoprirà che anche il tuttofare ha una serie di problematiche irrisolte.

NICHOLAS CLIFFORD
Regista, sceneggiatore e produttore, Nicholas Clifford si è laureato in Regia presso l’Australian Film Television & Radio School di Sydney. Con il suo cortometraggio The Handyman, ha vinto il premio Monte Miller dell’Australian Writers’ Guild; con la sceneggiatura del lungometraggio Bella & The Bear, si è aggiudicato il Grand Prix del concorso internazionale Story Pros. Nel 2013 ha scritto e diretto We’ve All Been There, corto vincitore del Tropfest. Allo stesso festival, nel 2012 ha vinto il premio per il Miglior film con il cortometraggio Kitchen Sink Drama. È cofondatore della casa di produzione Truce Films, con sede a Melbourne.

GUARDA IL FILM


SABATO 27 FEBBRAIO

DEAR MR. BURTON
(Gran Bretagna, 2020; 9’36’’ – Fantasy, col.) V.O. con sottotitoli in italiano
Regia e sceneggiatura: Maj Jukic; Interpreti: Brian Blessed, Joe Smith, Maia Lincoln, Jodie Bennet, Heloise Springs; Fotografia: Cameron Ward; Art Director e Animazione: Magda Jukic; Montaggio: James Cutt; Musiche: Stefano Fasce; Scenografia: Elena Muntoni; Produzione: Brian M. Franklin, Sinead Beverland per Guildhall Pictures, Yoo-Kah! Films.

L’adolescente Tim Malloy spende la maggior parte della sua triste vita chiuso in un mondo fatto di orrendi mostri e storie grottesche. Riuscirà, Hermione Bloom, a entrare negli incubi di Tim che spaziano tra Lovecraft ed Edgar Allan Poe? Una dolce e bizzarra lettera d’amore, dedicata ai mondi creati da Tim Burton.

MAJ JUKIC
Regista e produttore di origine slovena, ama rappresentare le storie nel modo in cui loro stesse vogliono essere narrate. Vive e lavora a Londra, dove ha dato vita al CineShots, un festival cinematografico che intende dare spazio ai registi locali, mettendo loro a disposizione una piattaforma su cui mostrare e condividere i loro lavori. Ha vinto numerosi premi per i suoi corti; ha lavorato come coach di recitazione on-screen.

GUARDA IL FILM


DOMENICA 28 FEBBRAIO

L’ORA DELLE NUVOLE
(Italia, 2020; 18′ – Drammatico, col.)
Regia: Mario Sposito; Soggetto: da un’idea di Pino Mauro e Lucia Casaburo; Sceneggiatura: Salvatore Toscano; Interpreti: Amedeo Andreozzi, Gigi Savoia; Fotografia: Antonio De Rosa; Montaggio: Mario Sposito, Pietro D’Onofrio; Musiche: Giuseppe Sasso; Scenografia: Monica Cappiello; Costumi: Dino Balsamo; Produzione: Giuseppe Mauro, Sensitive Lens; Distribuzione: Associak.

Cosa succede a un prete quando smarrisce la fede? Come si sopravvive alla perdita di ogni certezza? Padre Francesco ha bisogno di un maestro, di una guida che lo porti a riscoprire le radici della propria vocazione: insieme ad altri compagni di viaggio, in crisi come lui, intraprende un percorso iniziatico, affronta una serie di prove e arriva a comprendere che per ritrovare Dio deve prima di tutto ritrovare se stesso.

MARIO SPOSITO
Filmmaker, montatore e produttore indipendente. Nel 2009 ha frequentato la scuola di Cinema di Napoli che gli ha permesso di realizzare uno dei suoi primi corti Il Gioco di Luca finalista a vari festival nazionali tra cui il Capri Art Film Festival. Premiato anche per il cortometraggio Fallo Subito alla 39ma edizione dello Sport Film Festival con il premio “miglior sceneggiatura”. La sua formazione è arricchita da workshop internazionali come il NYFA-New York Film Accademy e il CSC-Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e tanti set professionali. Dopo la scuola di cinema avvia una società di produzione video che opera nel settore cinematografico e televisivo e alcuni dei suoi lavori sono stati diffusi anche sul canale Sky Arte. Realizza inoltre spot per brand nazionali e internazionali.

GUARDA IL FILM


LUNEDÌ 1° MARZO

VIKTOR ON THE MOON (VIKTOR PÅ MÅNEN)
(Danimarca, 2020; 28’30’’ – Commedia, b/n) V.O. con sottotitoli in italiano
Regia: Christian Arhoff; Sceneggiatura: Christian Arhoff, Emil Millang; Interpreti: Nicolai Jørgensen, Lisa Carlehed, Peter Plaugborg, Mikael Bertelsen; Fotografia: Loui Ladegaard; Montaggio: Mathias Saabye; Musiche: Lasse Aagaard; Scenografia: Camilla Lüders Weile; Produzione: Emily Nicoline Quist per Den Danske Filmskole.

Viktor Leth non è mai andato a un appuntamento galante. Quando finalmente ne ottiene uno, l’uomo si siede al tavolo sbagliato e incontra Rebekka, una donna sposata e leggermente più grande di lui, in cerca di un’avventura fuori dal matrimonio. Avrà così inizio una strana e selvaggia nottata, in cui Viktor imparerà molte più cose sulla vita e sull’amore, di quanto solitamente si possa fare in una sola notte.

CHRISTIAN ARHOFF
Regista e sceneggiatore, ha frequentato la Den Danske Filmskole, la scuola nazionale danese di cinema, e nel 2019 si è laureato in Regia.

GUARDA IL FILM


MARTEDÌ 2 MARZO

THE CLOUD IS STILL THERE
(Malesia, 2020; 18′ – Drammatico, col.) V.O. con sottotitoli in italiano
Regia, Sceneggiatura e Montaggio: Mickey Lai; Interpreti: Tan Cheong Bee, Ling Tang, Alvin Wong, Hon Tong Yuen; Fotografia: Lee Kah Giap; Musiche: Yise Loo, Tan Wei Xi; Scenografia: Lim Chik Fong, Yap Khai Lun; Costumi: Kai Wong; Produzione: Rachel Tan Ai Leng; Distribuzione: Associak

Quando suo nonno si ammala in maniera terminale, Xiao Le, una giovane donna cristiana, deve prendere una decisione sull’opportunità di intervenire tramite i rituali taoisti della famiglia. Spinta dal desiderio di salvare l’anima del nonno inizia a pregare segretamente al suo capezzale. Quando sua madre scopre l’inganno ne rimane devastata.

MICKEY LAI
Scrittrice e regista originaria della Malesia, Mickey Lai nel 2020 ottiene il Master of Fine Arts – Film and TV Production alla Met Film School di Londra. Lavora attivamente nel suo paese come regista freelance, assistente alla regia e montatrice. Recentemente il suo cortometraggio di debutto semi-autobiografico The Cloud Is Still There è stato selezionato al prestigioso 25 ° Busan International Film Festival ed al Norwich Film Festival (BAFTA qualifying).

GUARDA IL FILM

Argomenti